OSPEDALE PSICHIATRICO VILLA CLARA

forum dedicato agli argomenti riguardanti la ex psichiatria, la psichiatria, la vita all'interno dei manicomi

01/09/2019 21:26:48
Guarda il profilo utente di rodolfo
Totale Interventi 1020
TAGLIAFERRI RODOLFO

OSPEDALE PSICHIATRICO VILLA CLARA

Ho ripreso un post della nostra Adri frazionanandolo, per una maggiore fruizione da parte dei nostri iscritti e inserendolo sul "forum" per permettere a coloro che volessero interegire, di "vedersi".

Ospedale Psichiatrico Villa Clara 2

 

Dedico questi racconti alle tantissime persone che fortunatamente non vivono più i manicomi ma vivono il dramma di essere sofferenti psichici, che attualmente, solo in Italia, pare si contino circa 17 milioni di persone.

 

Dedico questi racconti alle tante migliaia di giovani, mai internati, che manifestano le prime avvisaglie della malattia.

 

Li dedico alla solitudine delle famiglie che spesso devono affrontare il dramma senza mezzi e supporti.

(Adri)

 

 

Dal Diario/Interviste di D. D.

 

Ci dice E.C.:

Io ho subito nella vita un brutto male, il fatto di essere reclusa. Infatti questo mi ha fatto e mi fa soffrire molto. All'Ospedale Psichiatrico, volgarmente chiamato manicomio, mi è successo di tutto: di essere legata, di avermi fatto lavorare duramente quando questo spettava al personale addetto, di essere picchiata, di mangiare schifezze, di essere rinchiusa a lungo senza poter uscire e vedere almeno un quadratino di terra.

Mi racconta un caso particolare avvenutole (dice D.D.): ero spogliata e mi hanno rubato i vestiti ed ero quindi bloccata dove mi trovavo. Mi confida intimamente: desideravo sposarmi con il signot T., essere libera e avere una famiglia come tantissime persone.

 

 

Mi racconta M.G. reclusa anch'essa all'O.P.

Tantissime vote mi hanno rubato all'O.P. indumenti nuovi tolti da uno stipetto chiuso a chiave. Ci sono tante irregolarità: le infermiere spesso e volentieri non tengono presente l'orario che il medico decide per le uscite. Si mangia male, si fa la fame, desidero un panino dopo cena e scaltri ladri o ladre lo mettono in buste di cellophane per farlo sparire.

Spesso c'è il disinteresse e l'abbandono da parte dei familiari per i ricoverati dell'O.P. Continua...Ho desiderato una pastasciutta! Forse può sembrare frivolo ma è così. Una volta sono andata a casa senza telefonare prima e non volevano farmi entrare dalla porta.

Il mio desiderio sarebbe di stare con il mio ragazzo che amo, libera da tutte le insidie del manicomio. Ad esempio, molte persone mi importunano e mi scocciano. Non posso andare allo spaccio senza trovare persone viscide.

Le chiedo cosa ne pensi di come è fatto il Reparto. "Ragazze agitatissime che non ti fanno dormire. Oltre agli altri disturbi, stanzoni antiquati e lugubri, le case-famiglia dovrebbero essere delle alternative a queste situazioni. Non ne posso più! Questa vita è troppo logorante, se non si è pazzi, si corre il pericolo di diventarlo.

 

 

Racconta.G.P.:

Ho trentasei mesi di clinica psichiatrica passati in gran parte all'estero, a Roma e soprattutto alla Villa "L'Annunziata" del dott....dove avvenne il mio terribile ricovero e spesso tornano ricordi che solo la bontà di Dio mi fa sopportare.

Eppure c'è quello dell'O.P. di Cagliari. Il menefreghismo, l'ostilità, la malevolenza in parte di infermieri e dottori, hanno avvelenato a lungo la mia vita e la mia mente di malato psichico a tal punto che gli altri ricoveri, benchè fossi più ammalato, mi sembravano più accettabili: in quei capannoni fra quelle quattro mura moltiplicato per 10-15 stanzoni, non c'era Dio.

01/09/2019 21:56:28
Guarda il profilo utente di rodolfo
Totale Interventi 1020
TAGLIAFERRI RODOLFO

R: OSPEDALE PSICHIATRICO VILLA CLARA

Nel nostro "pellegrinare" per gli ex OP abbiamo avuto modo di parlare con ex infermieri e pure con ex degenti, sopratutto Volterra e pure la struttura manicomiale di Maggiano non è stata da meno, nel raccoglire testimonianze orali. Ne esce un quadro altamente "prezioso" per il contenuto espresso e dove è possibile la raccolta e la scansione  di immagini è fondamentale per "ricostruire" se si vuole anche solo parzialmente la vita visuta tra quelle mura e non solo.

Posto una immagine di un convegno organizzato da Esplorazioni Urbane e Claudio Grandoli sulla Psichiatria, in quel di Volterra in quella che era prima un "appendice" del Convento di San Girolamo, poi divenuto la FAGOTTERIA dell'Ospedale Psichiatrico e attualmente Ostello della Gioventù. (correva l'anno 2011)