EX OP DI AVERSA-IL FOLLE SOGNO

forum dedicato agli argomenti riguardanti la ex psichiatria, la psichiatria, la vita all'interno dei manicomi

07/10/2020 21:04:25
Guarda il profilo utente di rodolfo
Totale Interventi 1109
TAGLIAFERRI RODOLFO

EX OP DI AVERSA-IL FOLLE SOGNO

Questo fine settimana saremo di nuovo ospiti dei CHILLE DE LA BALANZA pad 16 ex OP di San Salvi in Firenze.

Personalmente porterò una mostra inerente la "visita" effettuata con i ragazzi dell'associazione ISKRA LA SCINTILLA all'ex OP di Aversa composta da 18 immagini che sarà esposta nei tre giorni delle STORIE INTERDETTE.

Di seguito una immagine inerente la mostra: IL FOLLE SOGNO.

08/10/2020 00:09:47
Guarda il profilo utente di Admin
Totale Interventi 1454
Massimiliano Rossi

R: EX OP DI AVERSA-IL FOLLE SOGNO

è si Rodolfo, saremo presenti ancora una volta, invitati nientemeno che dai Chille de la Balanza, da sempre i piu stimati da noi. che ringraziamo pubblicamente per averci invitati. STORIE INTERDETTE è un evento stupendo sotto OGNI punto di vista.

la mostra forografica, con gli scatti di Rodolfo, sarà davvero un tuffo in quel folle sogno. immagini eccezionali che raccontano il manicomio di Aversa, il piu antico manicomio italiano.

vi invitiamo quindi tutti da noi, al San Salvi di Firenze. vi aspetteremo con il nostro stand, e molto materiale.

09/10/2020 11:05:15
Guarda il profilo utente di Adri
Totale Interventi 111

R: EX OP DI AVERSA-IL FOLLE SOGNO

Osservo, scruto e esamino attentamente, fisso lo sguardo su un punto poi lo sposto su un altro, contemplo e ammiro ma mi conosco, sono condizionata da ciò che è stato e non posso “entusiasmarmi” per il luogo. Lo biasimo, lo disapprovo.

Ammiro la foto col suo aspetto diverso in ogni parte, più soffice nelle calde sfumature e più ruvido là dove la luce appare più fredda.

E, se per vedere allo stesso modo in cui ha visto la fotocamera, il fotografo ha dovuto controllare tutti i sensi ad eccezione della vista, io che la guardo dò libero corso a stimoli e sentimenti e ascolto le mie sensazioni.

Vedo. Muri scrostati e stanze misteriose, pavimenti deteriorati e logori, finestroni sbarrati a fortificare quelle mura, a segregare sofferenza e disperazione, martirio e passione.

...Folle sogno...o...sogno folle...o sogno dei folli? I sogni sono momenti folli.

Ma i folli, sognano?

Si, anche la psichiatria si è interessata dei sogni dei pazienti per cercare di rendere i sogni sognabili nel momento in cui si trovavano ad essere nascosti e negati, perché i sogni sono quelli sognati, quelli esplicitati, espressi, manifesti.

I manicomi erano luoghi nei quali si “curava” il disagio psichico e forse, nel significato onirico, si poteva differire ad uno spazio di cura ai propri malesseri mentali generati dalla difficoltà di comprendere ciò che spesso non ha risposta. I matti sono stati prigionieri dei loro sogni?

Ho guardato persone sedute nei viali dei manicomi a fissare un niente, intorpidite dal sole e assenti da quanto attorno...forse immersi nel sogno...mi chiedevo...chissà che cosa sognano? La loro vita, le loro idee, le insofferenze, le carezze, il loro passato?...

Evviva...perlomeno i sogni non si possono rubare!...

Oggi, farai vedere a tanti occhi questo luogo che è stato della sofferenza, del travaglio, del martirio. Ma i sogni li potranno vedere solo con la mente, concepire con la fantasia, inventare...

Guardate in silenzio...non svegliate i loro sogni!...