MY LIBRARY - BiblioFollia - GLI ESCLUSI

forum dedicato agli argomenti riguardanti la ex psichiatria, la psichiatria, la vita all'interno dei manicomi

10/11/2020 22:42:09
Guarda il profilo utente di Adri
Totale Interventi 111

MY LIBRARY - BiblioFollia - GLI ESCLUSI

Luciano D’Alessandro: GLI ESCLUSI Fotoreportage da un’istituzione totale 1969   Fotografia in b/n

Libro…Un vocabolo che mi fa ricordare vagamente percezioni ed emozioni presenti e passate, suggestive, a volte uniche. Quando scrivo di un libro è come ritornare al passato, a tutte le volte che quel libro è passato nelle mie mani.

Libri e librerie, due termini per me inscindibili. In questo universo chiamato libreria ogni libro trova il suo posto, quello che gli ho assegnato nel tempo in cui... rileggere è un’esperienza unica”…

Con i miei libri costruisco rapporti speciali, soprattutto con quelli con i quali trovo un’affinità psicologica e intellettuale e allora entro in relazione con l’autore, con il suo pensiero, le sue parole, le esperienze probabilmente di anni di ricerca che non si dissipano evidentemente in qualche ora di lettura.

Il libro che presento non l’ho ritrovato casualmente tra gli altri, lui ha un posto speciale, perché tra tanti, è tra quelli a me più cari.

E’ un libro importante perché affronta e fa vivere una tematica che tratta in maniera realistica e palpabile anche in chi non ha avuto esperienza in quella effettiva realtà: il manicomio.

Oggi, con ragione, è considerato un libro raro ma per me il valore non è economico ma storico, perché alla storia appartiene.

Bibliofollia. Una grande passione, quasi “un germe di positiva follia!” Memoria storica del passato. Realtà che ha annullato, distrutto, nullificato, abrogato quella che è la parola per me più importante in assoluto: LIBERTA’.

Il libro è GLI ESCLUSI fotoreportage da un’istituzione totale di Luciano D’Alessandro. E’ un ciclo di fotografie in bianco e nero frutto di tre anni di lavoro all’interno del Manicomio Materdomini di Nocera Superiore negli anni 1965-1967, storica e importante fotocronaca sul disagio mentale.

Luciano D’Alessandro nasce a Napoli nel 1933.

All’inizio degli anni cinquanta incrementa la sua passione per la fotografia e frequenta lo studio di Paolo Ricci, in quegli anni punto di riferimento culturale e politico per

molti artisti e scrittori europei. Nel 1952, diventa fotografo professionista e estende la sua passione ai reportage giornalistici; nel 1961, incontra lo psichiatra Sergio Piro che lo introduce nel manicomio di Nocera Superiore e lì dentro inizia il suo discorso sulla condizione manicomiale, facendo parlare le sue foto e ne perora la causa di denuncia. Questo periodo di ricerca determinerà l’esperienza tra le più intense della sua vita. Nel 1969, lo stesso anno in cui esce Morire di classe, a conclusione del suo lavoro nell’ospedale psichiatrico, pubblica il suo primo fondamentale libro, Gli Esclusi, anch’esso molto ricercato, allora oggetto di numerose polemiche, avente lo stesso argomento: la condizione manicomiale. Viene pubblicato dalla casa editrice Il Diaframma e si avvale dello psichiatra Sergio Piro per scrive l’introduzione e del grafico Michele Ketoff. Siamo nel post ‘68, periodo che segna il particolare clima culturale italiano.

 

Nella copertina spicca il primo piano di un volto dove due occhi in uno sguardo svagato, vuoto, fanno da preludio alle immagini contenute nel libro. Figure umane, ritratti toccanti e commoventi, drammatici e strazianti. Emozioni. Solitudine, che si palesa anche nelle foto di gruppo dove corpi popolano uno spazio. Lui ci fa penetrare nell’anima di tutti quei corpi negati, quegli esseri abbandonati, segregati e dimenticati. Gli esclusi, pubblicato per asseverare e sostenere la contestazione manicomiale, palesando al mondo attraverso la potenza delle immagini, lo stato di solitudine e di violenza nonché della condizione di vita nei manicomi.

 

Primi piani di volti e di mani, primi piani che comunicano l’angosciosa e drammatica realtà.

Mani meticolose. Mani attente. Mani ruvide segnate dal tempo. Mani a sorreggere la fronte stanca. Mani che si stringono.

Mani strette come a proteggere una presenza o un segreto. Dita che si accarezzano a ripetere movimenti alienati a volte fragili, come le pagine dello stesso libro, che raccontano il passato e le loro storie di vita lontana.

 

Ho conosciuto molte mani che correvano svelte tanto che sembravano danzare, creando movimenti misteriosi, magici. Mani che hanno donato bellezza e sogni.

 

La potenza delle foto di D’Alessandro, come fatte da un bravo illustratore che ha saputo catturare l’essenza della realtà. Con esse ci ha lasciato sicuramente

uno spunto di riflessione.

...Scatti di autentica arte, capaci di racchiudere in un clic la disperazione di una vita, la tragedia di una storia, di sintetizzare il “mestiere di vivere”...

La forza poetica dell'immagine.

I suoi libri e le fotografie sono conservati nelle collezioni di fondazioni e di privati italiani e starnieri. Nel 2016 il ritrattista degli ultimi scompare a Napoli.

L’archivio della libreria Marini conserva tutti i negativi delle fotografie, le stampe fotografiche vintage ai sali d’argento e Gli esclusi.

 

Disse:...”colsi quello che a mio avviso era l’argomento centrale di questo racconto fotografico: la solitudine del malato mentale, rispetto al suo mondo di provenienza,

rispetto agli altri, una solitudine che nasce dalla malattia”…

 

Come afferma Sergio Piro nella presentazione del libro, le foto riuscirono a cogliere la violenza che su di essi veniva esercitata dalla struttura manicomiale sia con terapie farmacologiche che con quelle maccaniche esercitate dagli psichiatri, a rafforzare quella solitudine e l’esclusione, violenza che predomina nello scatto del fotografo.

 

Il reportage di Luciano D’Alessandro divenne una forte denuncia di quella situazione. A tal proposito la denuncia di Piro è esplicita, ...“il vuoto totale in cui si trascina l’esistenza dei malati non è il vuoto della malattia come ineluttabile condanna biologica è invece il vuoto dell’apatia, l’inerzia e l’abbandono ha creato in coloro che sono esclusi da qualunque movimento e da qualunque dinamica. Se già lo spazio dell’uomo era ristretto dalla sua alienità, esso viene ulteriormente ristretto dalla violenza e dall’abbandono”...

 

                                                                          Gli Esclusi, il primo documento pubblicato a sostegno della contestazione manicomiale.

 

12/11/2020 15:24:03
Guarda il profilo utente di ale nana
Totale Interventi 6

R: MY LIBRARY - BiblioFollia - GLI ESCLUSI

Cara Adri ... non ho avuto il piacere di leggere il testo da te illustrato, ma come sempre le tue parole ci trasportano completamente in ciò che ci illustri.

Tra le fotografie che hai pubblicato ce n'è una più di tutte che mi ha colpito ... la donna che si tiene stretta alle sue gambe ...  come se quell'abbraccio la aiutasse a difendersi dal mondo che la circonda ... vedo tanta sofferenza in quello scatto , e mi suscita un senso di tristezza immenso.

Quando mi scontro con queste realtà, solo il dover immaginare il buio in cui hanno dovuto sopravvivere queste povere anime, rabbrividisco.

Appena avrò modo leggerò il libro.

12/11/2020 19:22:27
Guarda il profilo utente di Admin
Totale Interventi 1454
Massimiliano Rossi

R: MY LIBRARY - BiblioFollia - GLI ESCLUSI

Pienamente in accordo con te Ale.. foto davvero notevole. 

bè, per curiosità mi ero messo a cercare il volume..  curiosità di conoscere il prezzo di un usato che ho trovato ?   siamo oltre 600 €

12/11/2020 21:58:21
Guarda il profilo utente di Adri
Totale Interventi 111

R: MY LIBRARY - BiblioFollia - GLI ESCLUSI

Grazie Ale, quando tratto questi argomenti, se riesco a fare entrare chi legge nelle immagini e nelle parole, è per me un gran successo, poiché il testo è una fusione di conoscenze, di emozioni, di ricordi e ti assicuro è la parte più difficile. Tutte queste immagini sono espressioni di vita e spesso raccontano bene una parte di vita molto intima. Hai esternato della foto che più ti ha catturata. E’ stato irrilevante quanto fosse bella e perfetta la foto da un punto di vista tecnico, ti sei espressa per emozioni e questo l’ha resa unica e indescrivibile. E per tutti gli occhi che la osserveranno sarà unica. Credo che il ruolo delle immagini nell’intendimento dell’autore è che dovessero avere un rilevante e significativo potere comunicativo e certamente ne è stato capace. Ale, forse in quella posizione raccolta tra le proprie braccia voleva solo sentire il battito del suo cuore. Forse!

La valutazione attuale della prima edizione oscilla tra gli 800/1000 euro.